Il presente lavoro ha lo scopo di esaminare e approfondire il rapporto tra il corpo femminile, la malattia (isteria e anoressia) e le cause scatenanti la malattia. Nel Medioevo uomini e donne vivevano il digiuno come uno strumento di purificazione dalle tentazioni e dai peccati mondani, al punto che si parlò di santa anoressia o di digiuni ascetici, capaci di elevare lo spirito al di sopra dei bisogni della carne. L’anoressia è il sintomo di un forte disagio ed è stata oggetto di varie interpretazioni: attraverso il dominio esercitato sul corpo, l’anoressica crede di trarre la sua forma di benessere, ma soprattutto la titolarità assoluta della propria vita. Questo meccanismo scatta in Fosca, creatura mortifera e dalla sessualità oscura, protagonista dell’omonimo romanzo di uno degli autori simbolo della Scapigliatura italiana, Igino Ugo Tarchetti. Se da un lato la nevrosi diventa la metafora usata da Tarchetti per descrivere l’ideale patologico dell’amore in cui il carnefice è donna, dall’altro, l’anoressia manifesta il disagio di tante altre donne incastrate in rapporti d’amore sbagliati, permeati dal possesso, dall’incapacità di svincolarsi dall’autorità dell’Altro.



Titolo: Dall'isteria all'anoressia
Sottotitolo: Il potere seduttivo del corpo malato un caso letterario: Fosca
Editore: Temperino rosso edizioni 
Genere: Saggio
Anno prima edizione: 2018 
Collana: Nuovi saperi


LIBRO ISBN 978899819798
EBOOK ISBN 978899819804





   

 




Libro a copertina morbida 218 pp. prezzo 20 €


in modo sicuro nel nostro store
SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE 
in tutta Italia

Store Temperino Rosso